Indietro

"La giunta ha sottovalutato il rischio malattie"

I consiglieri comunali Torrini, Lazzerini e Massini espongono la posizione del Pd riguardo la vicenda della febbre di Dengue

SANTA MARIA A MONTE — "L'opposizione aveva più volte denunciato l’opportunità di attivarsi contro la zanzara tigre in tempi non sospetti, ma la caparbietà del sindaco e della giunta (come troppo spesso capita) avevano prevalso sulle strategie di sanità pubblica a tutela dei cittadini". Dopo la vicenda dei due casi di febbre di Dengue avvenuti sul territorio, i consiglieri comunali del Pd Antonio Torrini, Marco Lazzerini e Davide Massini, commentano l'operato dell'amministrazione comunale che, a loro dire, avrebbe "sottovalutato il rischio delle malattie trasmesse attraverso le zanzare".

"Siamo dispiaciuti della notizia e auguriamo una pronta guarigione alle persone malate - commentano i tre in una nota stampa -. Da quello che abbiamo letto, la malattia è stata contratta durante un viaggio in una zona dove questa malattia è particolarmente diffusa. L’origine del contagio però, non sminuisce la grave mancanza che questa amministrazione ha avuto non intraprendendo alcuna azione contro la zanzara tigre".

"Da anni - aggiungono Torrini, Lazzerini e Massini - le amministrazioni pubbliche sono impegnate nella lotta alle zanzare attraverso azioni integrate che prevedono l’informazione ai cittadini (sui rischi delle malattie, sui comportamenti virtuosi da tenere, sulle misure di prevenzione individuale) l’eliminazione dei focolai di sviluppo larvale (trattamento con larvicidi dei tombini, delle caditoie e dei potenziali ristagni d’acqua) e, infine, in casi straordinari la disinfestazione con trattamenti adulticidi. A Santa Maria a Monte è stata messa in pratica solo l’ultima di queste azioni e ciò è avvenuto, data la straordinarietà dell’intervento, in seguito all’accertamento dei due casi".

E ancora: "Non essendo ancora disponibili vaccini contro queste malattie le armi a nostra disposizione si basano sulla prevenzione delle punture (zanzariere, repellenti, indumenti a maniche lunghe) e sulla lotta alla zanzara (bonifiche e disinfestazioni). Non stiamo dicendo niente di più di ciò che tutti sanno. Che ci sia un aumento di malattie trasmesse attraverso le punture di zanzara è cosa risaputa da tempo e, purtroppo, anche la cronaca nazionale degli ultimi giorni ha affrontato questo fenomeno per un’altra malattia: la malaria. I comuni limitrofi ripropongono ogni anno la lotta alla zanzara tigre".

"Gli amministratori di Santa Maria a Monte sono però persone gioviali, amano le cose belle e ricreative e, evidentemente, hanno dimenticato ciò che è fastidioso come le zanzare - concludono i consiglieri Pd -. E’ grave che un amministratore sottovaluti i rischi di un fenomeno in espansione e non attui le buone pratiche suggerite dal ministero. Ci auguriamo che questo episodio riporti l’attenzione degli amministratori al bene dei cittadini di Santa Maria a Monte, in una prospettiva realistica e a lungo termine e non propagandistica e finalizzata solo alla scadenza elettorale ormai prossima".

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it